Cicala: "La mafia ha paura del coraggio e del cambio di cultura"

In ricordo del 23 maggio 1992 anche il Consiglio regionale della Basilicata ha esposto un segno di commemorazione nell’anniversario del sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Anche quest’anno sono stati posti dei drappi bianchi accanto alle bandiere istituzionali all’ingresso delle sedi dei Consigli regionali e delle Province autonome, nel giorno della ricorrenza della strage di Capaci. Il Coordinamento delle Commissioni e degli Osservatori sul contrasto della criminalità organizzata e la promozione della legalità dei Consigli regionali, guidato dal Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala, ha accolto l’invito della Fondazione Falcone ad esporre un segno di ricordo e commemorazione nell’anniversario del sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti della scorta. “La mafia ha paura del coraggio e del cambio di cultura soprattutto dei giovani di questo nostro Paese. Gli insegnamenti del giudice Falcone, di chi come lui ha perso la vita nella lotta alle mafie, di coloro che sono impegnati in prima linea ogni giorno nel contrasto alla criminalità, di chi non ha paura di denunciare perché crede nelle Istituzioni, sono la testimonianza importante dei valori di quella società sana che non si arrende dinanzi alla criminalità organizzata – afferma Cicala – Come coordinamento stiamo avviando una serie di iniziative legislative volte proprio al contrasto e alla promozione della legalità anche nella nostra regione consapevole di quanto importante sia attivarsi perché la criminalità, soprattutto in un momento storico come questo, non trovi terreno fertile ma uno scudo di difesa e protezione da parte delle Istituzioni tutte”.

 

Posta un commento

0 Commenti
* Please Don't Spam Here. All the Comments are Reviewed by Admin.