Ultime News


La Polizia di Stato ha notificato l’Avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Matera, nei confronti di un detenuto. A quest’ultimo sono contestati la detenzione, lo spaccio di sostanze stupefacenti ed il furto, reati che sarebbero stati commessi all’interno della Casa circondariale di Matera, tra il 2020 e il 2021. Secondo le indagini svolte dagli investigatori della Squadra Mobile, in collaborazione con il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Pisticci e la Polizia Penitenziaria di Matera, l’uomo, 43 anni, originario della provincia di Taranto, era in possesso di quantitativi variabili e imprecisati di “spinelli”, confezionati con hashish, che era solito offrire ad altri detenuti, per ottenere in cambio delle sigarette. Inoltre, al fine di trarne profitto, più volte si sarebbe appropriato di beni alimentari riposti in un frigorifero del carcere, sottraendoli ad altri detenuti. L'’indagato si sarebbe anche impossessato di oltre 200 euro, prelevandoli dal conto di un altro detenuto, per acquistare del tabacco.




In attesa di dati definitivi, la riconferma di Vito Bardi come presidente della Regione Basilicata. Bardi esprime gratitudine per la fiducia ricevuta per la seconda volta dai cittadini lucani, e promette di governare per tutti, inclusi coloro che non lo hanno sostenuto o che non hanno partecipato al voto. “Continuerò ad essere il Presidente di tutti i lucani”, ha dichiarato. La bassa affluenza alle urne è stata vista come un punto debole per il centrosinistra, che secondo Bardi, ha contribuito a questa dinamica con le proprie azioni degli ultimi mesi.


Ieri mattina ad Eboli, un bambino di 15 mesi è stato azzannato da due pitbull in località Campolongo ed è morto per le ferite riportate. I cani sarebbero di proprietà di amici di famiglia del bimbo (mamma italiana, papà straniero) che non abiterebbero più con la coppia ma avrebbero lasciato i cani lì. Secondo una prima ricostruzione, i due molossi hanno aggredito il piccolo che pare fosse in braccio allo zio mentre uscivano di casa. La madre ha provato ad intervenire, ma è stata a sua volta aggredita.


"Le persone, attraverso la cultura, possono modificare comportamenti ed abitudini che abbiano un impatto virtuoso su natura e ambiente?" Da questa riflessione nasce la rassegna delle arti e dell’ambiente “Rizomatica. Nuove forme di coesistenza”, organizzata dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 e curata da Imma Tralli e Roberto Pontecorvo di Marea Art Project, con il patrocinio dei Comuni di Matera, Moliterno e Pisticci, in programma fra aprile e giugno a Matera, Moliterno (PZ) e Pisticci (MT). La rassegna rappresenta la prosecuzione delle attività sul tema della relazione arte/ambiente avviata dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 con l'inaugurazione dell’opera di Tomás Saraceno “Life(s) of Webs, arachnophobias, arachnophilias, and other stories” lo scorso novembre nella chiesa della Madonna del Carmine di Palazzo Lanfranchi, grazie alla collaborazione con il Museo nazionale di Matera.


Con il crollo delle temperature è allarme gelate in campagna, dove il gelo sta colpendo i vigneti da Bari a Foggia, con lo sbalzo termico che rischia di causare gravi danni agli alberi da frutto, in primis ciliegie, albicocche e pesche, ma anche alle verdure in campo, dopo un inizio 2024 che si è classificato come il più caldo di sempre. Così Coldiretti Puglia, in ferimento alla morsa del freddo inaspettato  che sta stringendo la Puglia e le gelate che hanno già colpito i vigneti a Gioia del Colle in provincia di Bari e in Capitanata, con la colonnina di mercurio in picchiata, temporali, nevicate e allerte gialle in alcune regioni. Gli agricoltori, dove possibile  cercano di correre ai ripari mettendo teloni protettivi su frutteti e campi, anche per evitare eventuali grandinate, spesso legate all'improvviso sbalzo termico, con un investimento economico spesso molto oneroso. La grandine e le gelate - sottolinea la Coldiretti Puglia - sono eventi climatici avversi molto temuti dall'agricoltura soprattutto in questa fase stagionale per i danni irreversibili che provocano alle coltivazioni in campo. Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che - conclude Coldiretti Puglia - si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne. 


Al  37,74 per cento l'affluenza degli elettori lucani nelle elezioni regionali cominciate oggi in Basilicata, dove si voterà anche domani, dalle ore 7 alle 15. Nel 2019 l'affluenza alla chiusura dei seggi fu del 53,52 per cento ma fu quella anche la percentuale definitiva, perché si votò solo la domenica. In provincia di Matera la prima giornata di voto si è conclusa con un'affluenza del 40,98 per cento (56,03% nel 2019); in provincia di Potenza l'affluenza è al 36,31 per cento (52,40 per cento cinque anni fa). A Potenza, alle ore 23 la percentuale è stata del 49,92 per cento (68,79 per cento cinque anni fa); a Matera è stata del 41,66 per cento (nel 2019 fu del 59,89 per cento).


Si vota ancora oggi per le Regionali in Basilicata gli elettori dovranno scegliere il nuovo governatore e i 20 consiglieri regionali. Le liste sono 13, di cui 7 per il centrodestra a sostegno di Vito Bardi, 5 per il centrosinistra di Piero Marrese, e una, Volt, per il civico Eustachio Follia. Nei 131 comuni della Basilicata le 682 sezioni stanno accogliendo i 567.959 aventi diritto al voto per eleggere il presidente della Regione e 20 componenti del consiglio regionale (13 per la provincia di Potenza e sette per quella di Matera). Ieri è stato possibile votare fino alle 23. Oggi i seggi, comprese le quattro sezioni ospedaliere, sono aperti fino alle 15. Subito dopo lo spoglio delle schede. (Foto dal web)


In un'operazione coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari e condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale sono state arrestate dieci persone ad Altamura. Per loro l'accusa è di
essere coinvolte in un’organizzazione criminale finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. L’indagine, iniziata a novembre 2020 e proseguita fino ad aprile 2021, ha permesso di smantellare una rete che operava in maniera capillare sul territorio. I membri dell’associazione, secondo l'accusa, si occupavano di diversi aspetti del traffico di droga, dalla distribuzione al dettaglio alla custodia dello stupefacente, organizzando anche uno “spaccio itinerante”. L’indagine è partita da episodi intimidatori legati a debiti nel contesto del traffico di droga, compreso un messaggio minatorio scritto su un muro.


Una piattaforma tecnologica che raccoglie i dati inviati da droni, satelliti, radar e sensori di campo per prevenire le malattie che minacciano le produzioni ortofrutticole evitando crisi produttive e conseguenti danni economici alla filiera dell'agricoltura e agli operatori di settore. Nasce così Agreed, Agriculture, Green & Digital, il nuovo sistema europeo d'avanguardia realizzato dall'italiana Corvallis (Gruppo Tinexta), azienda cyber tra i principali fornitori di servizi IT nel settore finanziario italiano, in collaborazione con la sede italiana del Ciheam-Centre International de Hautes Etudes Agronomiques Méditerraneennes, Politecnico di Bari, Hort@, Cini, Università degli studi di Enna, Cmcc-Centro europeo Mediterraneo sui cambiamenti climatici e Infobiotech. Il progetto si propone di utilizzare diverse tecnologie per realizzare un sistema integrato di sorveglianza, tracciabilità, previsione e gestione a basso impatto ambientale delle più gravi malattie che colpiscono le principali produzioni ortofrutticole dell'Italia meridionale, come l'olivo, la vite, gli agrumi e il pomodoro. L'esigenza degli operatori agricoli è quella di individuare e prevedere l'insorgere di fitopatologie - come funghi, virus, batteri e altri organismi - che compromettono i raccolti di frutta e verdura. "Per proteggere l'agricoltura nello scenario globale - ha commentato Andrea Monti, direttore generale di Tinexta Cyber, il polo della cybersicurezza di cui fa parte Corvallis - non è più sufficiente la sola esperienza umana." (Foto dal web)

MKRdezign

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Immagini dei temi di Ollustrator. Powered by Blogger.
Javascript DisablePlease Enable Javascript To See All Widget