Dipendenti in nero: nel mirino della Guardia di Finanza agenzia per il lavoro

Avrebbero messo in piedi un’attività di Agenzia per il lavoro abusiva e impiegato 13 lavoratori completamente in nero. E’ emerso dall’operazione “Free job” condotta dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Rimini con il locale Ispettorato del lavoro. Secondo quanto emerso dall’indagine, in tre anni (dal 2019 al 2021), sarebbero stati coinvolti 361 lavoratori utilizzati con un sistema di manodopera in violazione alle normative in materia di occupazione. La società ha sede legale a Potenza.  L’imprese avrebbe poi distaccato la forza lavoro in sei strutture alberghiere sparse per l’Italia. Le indagini avrebbero fatto emergere, dietro un’apparente regolarità formale, un sistema di distacco di manodopera. E’ stato accertato che la manodopera, sebbene regolarmente assunta dalla società potentina, veniva successivamente dirottata ad altre imprese del settore turistico senza la stipula di contratti di appalto, svolgendo, di fatto le attività di una Agenzia per il Lavoro, ma abusivamente. Comminate sanzioni che possono arrivare ad un massimo di oltre 125 mila euro.

Tags

Posta un commento

0 Commenti
* Please Don't Spam Here. All the Comments are Reviewed by Admin.