martedì 24 novembre 2020

“Diseducativo l’ultimo spot di Telefono Azzurro”

Foto: lav.it
Su iniziativa di LAV, LNDC E SAVE THE DOGS la vicenda dello spot antianimalista di Telefono Azzurro finisce nelle mani dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria con la richiesta della completa rimozione dello spot da ogni canale di distribuzione. Inoltre, le Associazioni hanno segnalato al Garante per l’infanzia il messaggio discriminatorio e diseducativo dello spot #primaibambini. In occasione della Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia, il Telefono Azzurro, ha lanciato uno spot in cui si vede un palazzo in fiamme e un soccorritore che, trovandosi di fronte a due bambini e un cane in difficoltà, sceglie di salvare quest’ultimo ignorando i due ragazzini. A sottolineare la scena c’è la scritta “Sembra impossibile? Eppure sta accadendo oggi” e la chiusura con l’hashtag #primaibambini.  Per le associazioni “È incredibile e inaccettabile che un’associazione che dovrebbe tutelare degli esseri indifesi crei una tale contrapposizione con un’altra categoria di esseri indifesi”. Intanto, il Telefono Azzurro ha cercato di giustificare la propria scelta e poi ha finalmente rimosso il video dicendo che il messaggio che volevano mandare era stato frainteso.

 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog