giovedì 24 settembre 2020

Sappe: ancora cellulari introdotti nel carcere di Melfi (Pz)

Alcuni telefoni cellulari sono stati scoperti dalla Polizia penitenziaria in un pacco destinato ad un detenuto nella sezione "alta sicurezza" del carcere di Melfi (Pz).  I telefonini erano in una forma di formaggio. Per il segretario generale del Sappe (Sindacato autonomo polizia penitenziaria), Donato Capece "l'ingresso o il tentato ingresso di cellulari nelle carceri è un flusso continuo e il fenomeno non viene contrastato in maniera adeguata dall'amministrazione né dal legislatore". 

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog