giovedì 13 aprile 2017

Riduzione in schiavità: assolto bulgaro

Non hanno testimoniato nel processo, dove avrebbero dovuto raccontare di essere stati costretti a mendicare e a vivere in una stalla, e di conseguenza sono cadute tutte le accuse nei confronti del loro presunto aguzzino. La Corte di Assise di Appello di Bari ha infatti assolto "per non aver commesso il fatto" e immediatamente scarcerato il 44enne bulgaro Marin Kostov Todorov, imputato per i reati di tratta di esseri umani e riduzione in schiavitù. In primo grado era stato condannato a sette anni. L'uomo, in carcere dal novembre 2014, era accusato di aver organizzato il trasferimento in Italia di alcuni connazionali, illudendoli con la promessa di un lavoro, ma in realtà costringendoli poi a mendicare per strada.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog