martedì 16 luglio 2019

Tre tipi di energia per la cura delle aritmie

Il calore, il congelamento e l'energia luminosa sono "le tre forme di energia" utilizzate all'Azienda ospedaliera "San Carlo" di Potenza per il trattamento delle aritmie in particolare, della fibrillazione atriale, l'aritmia cardiaca più comune, ma anche tra le più complesse. Dopo una ricostruzione tridimensionale delle camere cardiache, sono tre, infatti, le forme di energia utilizzate nel San Carlo per trattare queste patologie (il calore mediante la radiofrequenza, il congelamento mediante crio-ablazione e l'energia luminosa mediante laser-ablazione). per il direttore del “San Carlo” di Potenza, Massimo Barresi nuove e avanzate tecnologie che migliorano il trattamento delle anomalie del battito del cuore e fanno del Dipartimento cardiovascolare polo di riferimento regionale e nazionale per il trattamento di alta specializzazione di pazienti complessi con problemi cardio-vascolari, con effetti positivi anche sulla mobilità passiva verso centri fuori regione. Progressi che potranno essere confermati e quantizzati dal prossimo avvio della telemedicina (controllo a distanza) previsto nei prossimi mesi per il follow-up di pazienti portatori di defibrillatori, pacemaker e dispositivi di registrazione a lunga durata impiantati nel torace”.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog