lunedì 26 novembre 2018

"Lo spaccio viaggia sulla rete"

Lo spaccio di sostanze stupefacenti, in provincia di Salerno, viaggia sulla rete. E, in particolare, tramite Whatsapp a Telegram. E’ lì – emerge da un’inchiesta de Il Mattino – che avvengono gli accordi tra pusher e clienti su quantità, prezzo e luoghi di appuntamento fissati spesso anche fuori dai confini cittadini. A Salerno centro, ad esempio, si può acquistare a passeggiando sul lungomare o spingendosi fino alla Concordia. Nel resto della città basta andare nei soliti luoghi di aggregazione, per trovare il pusher che si confonde tra qualche anziano seduto sulla panchina e i gruppi di ragazzini che chiacchierano tra di loro. Da gennaio ad oggi, secondo i dati forniti dalla polizia di Stato, sono 31 gli acquirenti segnalati all'Ufficio territoriale di Governo. Numeri che, se sommati alle segnalazioni provenienti anche dalle altre forze dell'ordine, lievitano a dismisura“

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog