lunedì 10 luglio 2017

Terrorismo: i due albanesi espulsi vivevano a Lavello (Pz)

I due fratelli albanesi espulsi - e già riportati a Valona - hanno 26 e 23 anni e vivevano a Lavello (Potenza) da oltre dieci anni: uno era studente all'Università di Foggia, l'altro lavorava con un contratto a tempo determinato in un'azienda dell'area industriale di Melfi (Potenza). Da tempo i due erano controllati dalla Polizia: dopo la conversione all'islam frequentavano una moschea di Foggia dove avevano stretto rapporti con il ceceno fermato nell'operazione coordinata dalla Dda di Bari. "Siamo sconcertati e preoccupati", ha detto il sindaco di Lavello, Sabino Altobello", che ha definito "integrato nella vita della comunità locale" il nucleo familiare dei due giovani espulsi. Altobello ha sottolineato che "Lavello, con i suoi circa mille extracomunitari regolarizzati, è un comune ospitale".

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog