sabato 30 luglio 2016

Caso Scazzi: troppi ritardi su motivazioni

Il Ministro della Giustizia ha avviato accertamenti preliminari sul caso dei ritardi nella motivazione della sentenza per la morte di Sarah Scazzi. Lo confermano fonti del ministero. L'ispettorato generale chiederà informazioni al presidente corte d'Appello. La sentenza del processo di secondo grado per l'omicidio di Sarah Scazzi (26 agosto 2010) venne pronunciata dalla Corte di assise di appello di Taranto (presidente Patrizia Sinisi) esattamente un anno fa, il 27 luglio 2015. La Corte confermò l'ergastolo per Sabrina Misseri e la madre Cosima Serrano, ritenute autrici materiali del delitto, e quella ad otto anni di reclusione per Michele Misseri, padre di Sabrina e marito di Cosima, per soppressione di cadavere.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog