mercoledì 13 gennaio 2021

Deposito di scorie nucleari: Bardi in Consiglio regionale ribadisce il no della Basilicata

"Nel 2003  la Basilicata ha espresso un no convinto al deposito di scorie nucleari a Scanzano Jonico , ed è un no oggi, nel 2021, e sarà no domani, perché siamo sempre gli stessi di 18 anni fa a Scanzano, e la tutela della salute e dell’ambiente dei lucani sono valori inalienabili, e imperituri”. Così il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, nel corso della riunione del Consiglio regionale, poi sciolta a causa della scoperta della positività di una persona che ha partecipato a una riunione di una Commissione consiliare. “Alla base delle considerazioni che mi hanno spinto a negare l’assenso non vi è solo un giudizio politico – ha dichiarato il Governatore Bardi – ma anche scientifico. E’ un’opera ad alto potenziale di rischio ambientale, naturalistico e sociale che noi non siamo disponibili a sopportare”. "Da questo punto di vista la Basilicata - ha detto ancora - ha già dato, mentre ha da salvaguardare le sue risorse idriche e la sua vocazione culturale che vede come motore trainante Matera."

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog