venerdì 20 dicembre 2019

Il presidente Cicala su maxi blitz del Ros

“Una notizia decisiva." Così commenta la notizia del maxi blizt dei Carabinieri del Ros, Il Presidente nazionale del “Coordinamento delle Commissioni e Osservatori sul contrasto della criminalità organizzata e la promozione della legalità”, Carmine Cicala. L’imponente operazione – ha aggiunto Cicala - è il frutto di indagini durate anni, oltre alla Calabria interessa varie regioni d’Italia dove la ’ndrangheta vibonese si è ramificata: Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Sicilia, Puglia, Campania e Basilicata. I capi d’accusa per i 334 arresti e i 426 indagati, sono associazione mafiosa, omicidio, estorsione, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio e altri reati aggravati dalle modalità mafiose. “Mi congratulo con tutte le forze dell’ordine che hanno permesso di raggiungere un risultato così importante grazie al loro impegno al servizio dello Stato e dei cittadini. In questa direzione il Coordinamento delle Commissioni e Osservatori sul contrasto della criminalità organizzata e la promozione della legalità, mantiene alta l’attenzione portando avanti progetti importanti con tutti i Consigli regionali d’Italia, uno di questi è legato alla gestione dei beni confiscati alla mafia. In tal senso, il mio impegno è assicurare in tutto il territorio un lavoro puntuale di studio e monitoraggio del problema, incoraggiando le 3 regioni che ancora non lo posseggono, di istituire una Commissione o un Osservatorio.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog