sabato 31 marzo 2018

Violenza donne: contestazioni per manifesto

La consigliera di parità effettiva della Regione Basilicata, Ivana Pipponzi, e la consigliera supplente, Luisa Rubino, hanno chiesto "l'immediata rimozione" di un manifesto apparso su un cartellone pubblicitario, a Potenza, che annuncia un convegno sulla violenza di genere con lo slogan: "Amore, ma se mi uccidi, dopo chi picchi?". Pur riconoscendo che la finalità è nobile", trattandosi di "un evento di sensibilizzazione e riflessione sulla violenza di genere", per le due consigliere "la modalità è in contrasto, oltre che col buonsenso ed il buongusto, anche con il doveroso rispetto della dignità femminile". Appoggio alla richiesta di rimozione del manifesto anche da parte di altre organizzazioni che operano a sostegno delle donne.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog