martedì 5 luglio 2016

Uso improprio dell'acqua: appello di Acquedotto Lucano

Con una lettera inviata al prefetto di Potenza e ai sindaci di Picerno, Avigliano, Tito e Pietragalla, oltre che del capoluogo, Acquedotto Lucano ha sollecitato collaborazione per il controllo e la vigilanza sull’uso dell’acqua, in particolar modo nelle zone rurali, dove sono frequenti i casi in cui la risorsa destinata all’uso potabile è invece utilizzata a fini irrigui. Durante lo scorso fine settimana, infatti, Acquedotto Lucano ha dovuto far fronte a situazioni di emergenza in tutta la regione soprattutto in alcune contrade di Potenza in cui la carenza di acqua nei serbatoi ha comportato la sospensione dell’erogazione idrica. Nei giorni scorsi  in contrada Trinità Sicilia, Acquedotto Lucano ha provveduto a distribuire porta a porta ben quattromila sacche di acqua, pari a duemila litri; altri quindicimila litri sono stati distribuiti con le autobotti. A questo si è aggiunta anche un’avaria tecnica all’impianto di sollevamento di Montocchio (riparata nella notte del 30 giugno) che ha determinato il mancato riempimento dei serbatoi a servizio di altre contrade (Botte, Botte Porcareccia, Torretta, Giuliano, Serra, Cerreta, Dragonara, Giarrossa, Centomani, Tora-Centomani, Montocchio, Montocchino, Canaletto, Capoiazzo e zone limitrofe). L’appello che Acquedotto Lucano rivolge ai sindaci e ai cittadini è quello di utilizzare l’acqua ai soli scopi potabili e di evitare l’uso improprio della risorsa che nelle contrade, puntualmente nei mesi estivi inizia ad essere carente in concomitanza con l’aumento delle temperature.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog