martedì 31 maggio 2016

Agricoltura: continua lo "Sciopero della Terra"

Nuovo atto oggi dello sciopero della terra che da mobilitazione regionale è diventata nazionale. Diverse le iniziative previste fino alla convocazione di una manifestazione nazionale che si terrà in autunno a ridosso dei provvedimenti finanziari di fine anno di governo e Parlamento. Dopo la tappa di Palermo lo scorso 24 maggio, a conclusione della prima settimana oggi manifestazione sotto la sede della Giunta regionale a Potenza. 
"Si chiede in sostanza – ha riferito Gianni Fabbris, di Altragricoltura a Carinanews - di “cambiare verso” alle scelte politiche e sociali che hanno portato alla crisi dell’agricoltura mediterranea e per questo si indica la necessità di una vera e propria Nuova Riforma Agraria che restituisca reddito, diritti del lavoro e un territorio tutelato. Tre le emergenze su cui sindaci e agricoltori chiedono risposte: l’applicazione delle norme di tutela a partire dalla clausola di salvaguardia nei trattati euro mediterranei e il lor rafforzamento, un piano di risanamento delle aziende agro-zootecniche in crisi per effetto del crollo dei prezzi e iniziative per garantire la certezza dell’accesso agli incentivi per tutti gli agricoltori. Una mobilitazione che cesserà – conclude Fabbris - solo quando ci saranno risposte concrete”.

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog